Chi è online

 34 visitatori online
« Dicembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

COMMUNITY ARTINSIEME:
Il luogo virtuale delle letture e del confronto

PRODUZIONI e PROGETTI ARTINSIEME:

La Danza del Tempo

Arte per la vita

La rivista Artinsieme

 

Benvenuto nel blog di Artinsieme.
Ogni utente registrato, dopo aver effettuato il login, ha la possibilità di inserire il proprio post o il proprio commento.

Per effettuare il login clicca qui.



Venerdì 05 Marzo 2010 08:42

La scuola, gli insegnanti, l'amministrazione, lo Stato e la Riforma Brunetta sul merito

WRITTEN_BY_MALE Fabrizio
Vota questo articolo
(0 votes)

L'insegnamento è diretto all'apprendimento?
Risposta: SI.
Un buon insegnante è garanzia matematica di un buon apprendimento?
Risposta: NO.
Un buon insegnante è una condizione necessaria, ma non sufficiente, perchè si abbia apprendimento.
Concorrono come fattori:
1) il tessuto sociale non sempre ideale (a volte depresso o problematico);
2) l’educazione o la diseducazione e i condizionamenti familiari;
3) la vita familiare (figli di divorziati o di coppie separate o di genitori troppo apprensivi o troppo assenti);
4) la presenza di più culture e religioni in classe;
5) la psicologia dell’alunno e familiare (anche a volte problematica);
6) la volontà dell’alunno (non sempre al top);
7) l’organizzazione scolastica (negli edifici, negli spazi, nelle strutture, nei sussidi, nei laboratori, nelle tecnologie e nella dirigenza);
8) gli ordinamenti scolastici e i programmi (sempre in ritardo rispetto ai tempi);
9) le politiche per la scuola;
10) il clima sociale;
11) etc etc
La bocciatura di un alunno e la sua resa scolastica è un fallimento della scuola, della famiglia e della società. Non solo dell’insegnante.
Giusto formare docenti più preparati e valutarli…
Ma chi valuta i Dirigenti, l’Amministrazione, la Politica e gli attori sociali?
Se non cambia nulla intorno alla Scuola, non cambierà mai la Scuola…
Se è vero che Brunetta, parlando del doveroso passaggio al merito da compiersi per Legge, ha detto che saranno gli alunni (Collegi di classe e assemblea d’Istituto degli alunni) e le famiglie (Consiglio di Istituto) a valutare gli insegnanti e a stimolarli a far meglio (quindi si avrà una valutazione nel doppio senso perché i docenti valutano gli alunni)… allora, seguendo la stessa direzione, dovrà essere il Collegio dei Docenti e il Consiglio di Istituto a valutare il Dirigente Scolastico… un Collegio dei Dirigenti Scolastici a valutare l’azione della Dirigenza Scolastica Provinciale… i Dirigenti Scolastici Provinciali di una Regione a valutare il Dirigente Scolastico Regionale… i Dirigenti Scolastici Regionali italiani a valutare il Ministro della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca…
Così per ogni comparto ministeriale…
Solo così si potrà mettere in atto veramente la riforma Brunetta sul merito e mettere in atto la democrazia.
Viceversa sarà la solita PAGLIACCIATA italiana.


Fabrizio Fiordiponti



Non si prenda questa americanata ad esempio…

http://www.corriere.it/esteri/10_febbraio_25/rhode-island-scuola-alunni-bocciati-insegnanti-licenziati-burchia_647097de-21df-11df-8195-00144f02aabe.shtml

Fabrizio

Fabrizio

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Per inserire il tuo commento devi effettuare il login
Banner

Sito ottimizzato per una visualizzazione video 1280 x 1024. Compatibile con browser Explorer 8 e Fireworks 3.5.8 e superiori

ARTINSIEME - L'arte educativa multidisciplinare - Copyright © 2001-2013. Tutti i diritti sono riservati a Fabrizio Fiordiponti, presidente Scuola Normale d'Arte acssl con statuto associativo di origine datata 2001 di cui Fabrizio Fiordiponti conserva i diritti di autore e la proprietà intellettuale