Chi è online

 26 visitatori online
« Dicembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

COMMUNITY ARTINSIEME:
Il luogo virtuale delle letture e del confronto

PRODUZIONI e PROGETTI ARTINSIEME:

La Danza del Tempo

Arte per la vita

La rivista Artinsieme

 

Benvenuto nel blog di Artinsieme.
Ogni utente registrato, dopo aver effettuato il login, ha la possibilità di inserire il proprio post o il proprio commento.

Per effettuare il login clicca qui.



Giovedì 18 Novembre 2010 09:02

LA MAFIA E' UN PROBLEMA EDUCATIVO

WRITTEN_BY_MALE Fabrizio
Vota questo articolo
(0 votes)

LA POLEMICA DOPO "VIENI VIA CON ME"

Maroni a Saviano: «Deponi le armie combattiamo insieme la criminalità»

Il ministro dell'Interno smorza le polemiche dopo la minaccia di querela: «Dovresti essere al mio fianco»

 

http://www.corriere.it/politica/10_novembre_17/maroni-saviano-vieni-via-con-me-lega_3c0900b4-f250-11df-a59d-00144f02aabc.shtml

 

COMMENTO:

 

Dicevo che sia Saviano che Maroni non avevano capito bene cosa è la mafia...

Intanto una bella presa di posizione di Maroni che non intende più querelare Saviano (così non risolviamo il problema mafia...).

Mi sembra normale che si debba combattere la mafia tutti insieme, ma non solo Maroni con Saviano, tutti noi. Infatti la mafia altro non è che un mercato. Esattamente come il mercato alimentare. Laddove c'è richiesta arriva l'offerta. Io voglio il pane e so dove andare a comprare il pane. Poichè le droghe sono usate dall'uomo dall'origine del mondo, vi è una richiesta da sempre. Questa richiesta non è legiferata dallo Stato e non è accolta dallo Stato e dagli Stati in generale. Dunque la mafia, che fa affari, offre ciò che lo Stato e gli Stati non offrono, in base ad una precisa richiesta. Tale richiesta, ad esempio di cocaina, non è una richiesta di un cittadino appartenente alla "bassa" società (non ha nè il tempo nè i soldi per pensare a spenderli in cocaina, dato che deve pensare a mangiare o a trovare il lavoro), ma una richiesta dell'"alta" società, dedita a festini ove la droga (in special modo la cocaina) è offerta come si potrebbe offrire un drink. Lapo Elkan (famiglia FIAT) tempo fa andò in overdose. Dove se l'è procurata la droga? Semplice: dalla mafia... Ecco che il collegamento politica-alta società con la mafia è forte... Come dire la mafia è un problema dell'alta società e non della bassa società, poichè fa il controcanto ai divieti che, giusti o sbagliati politicamente se ne deve discutere poichè le droghe sono quasi un tabù ma l'evidenza è che se ne fa largo uso (e ci sono droghe e droghe e non sono tutte le stesse), generano una richiesta che viene coperta non dallo Stato o dagli Stati, ma dalla mafia... 

Come risolvere il problema: assunzione di responsabilità, educazione all'autoresponsabilizzazione, educazione al non uso e all'uso delle droghe fatta a scuola, legiferare ciò che può essere venduto in farmacia o al supermarket o non venduto in funzione della maturità di un individuo umano.

Insomma ci vogliono decisioni...

Per sconfiggere la mafia, ossia quell'antistato che fa affari su ciò che lo Stato non chiarisce e legifera, vi è bisogno di un'ampia discussione e di un ampio confronto, di decisioni politiche e di scelte ben precise...

Altrimenti vi sarà sempre qualcuno che abbisognerà di cocaina, per motivi vari, e ci sarà sempre una mafia a procurargliela...

 E' un problema educativo e sanitario e conseguentemente politico. Secondariamente è un problema dell'Interno e della Giustizia.

Capitelo bene questo scritto, perchè è VERO.

 

Fabrizo Fiordiponti 

Articolo modificato il Giovedì 18 Novembre 2010 09:35
Fabrizio

Fabrizio

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Per inserire il tuo commento devi effettuare il login
Banner

Sito ottimizzato per una visualizzazione video 1280 x 1024. Compatibile con browser Explorer 8 e Fireworks 3.5.8 e superiori

ARTINSIEME - L'arte educativa multidisciplinare - Copyright © 2001-2013. Tutti i diritti sono riservati a Fabrizio Fiordiponti, presidente Scuola Normale d'Arte acssl con statuto associativo di origine datata 2001 di cui Fabrizio Fiordiponti conserva i diritti di autore e la proprietà intellettuale